Developed by jtemplate

Articoli recenti

Newsletter

 

29 Giugno 2021

Agricoltura:

Laboratorio di Arte, Cultura, Ambiente, Territorio e Benessere

Il progetto "Agricoltura: Laboratorio di Arte, Cultura, Ambiente, Territorio e Benessere", cofinanziato dal FEARS - PSR Calabria - Misura 01.02.01, giunge al termine.

Il 30 giugno 2021, sulla piattaforma ZOOM, si svolgerà la Conferenza finale. sarà l'occasione di ricordare quanto fin qui fatto, di presentare i risultati degli incontri tenuti in questi mesi e di presentare le iniziative e i progetti che come Agricoltura è  e ANPA - LiberiAgricoltori della Calabria intendiamo portare avanti nei prossimi mesi.

CONFRENZA FINALE

24 Giugno 2021

Fattorie sociali:

il coraggio e la determinazione

di andare oltre la semplice agricoltura

Esperienze a confronto tra

la Cooperativa “Terre Joniche” e l’Azienda “Sextum”.

           

Ultimo confronto di esperienze quello tenutosi tra due realtà operanti nel settore agricolo-sociale nell’ambito del progetto Agricoltura: Laboratorio di Arte, Cultura, Ambiente e Benessere” promosso da Agricoltura è”, associazione dell’ANPA - LiberiAgricoltori Calabria, cofinanziato del FEARS - PSR Calabria nella misura di sostegno per progetti dimostrativi e azioni di informazione.

Ad essere protagoniste, questa settimana, sono la “Cooperativa Terre Joniche” di Isola Capo Rizzuto e l’Azienda “Sextum Urbs Oenotrorum Mediterranea” di Saracena, due importanti strutture che si caratterizzano per l’attività sociale che queste portano avanti da tempo.

Il confronto, così come avvenuto negli incontri precedenti, si è sviluppato sulle piattaforme digitali grazie a due distinti ed appositi servizi, girati e costruiti dagli organizzatori del progetto direttamente sul posto.

terre jonicheLa prima clip è stata quella nella Cooperativa Terre Joniche con la narrazione diretta del titolare Domenico Zizza.

Questa realtà nasce nel 2016 grazie ad un bando pubblico che ha permesso di dare in completa gestione, qualcosa come 100 ettari di terreni ed un casolare, confiscato, precedentemente di proprietà della cosca ‘ndranghetista degli Arena.

Il titolare non nasconde come, nei primi tempi, numerosi siano stati gli atti intimidatori che coraggiosamente hanno dovuto sopportare, grazie, anche e soprattutto, ad una lodevole unione e cooperazione tra quanti erano e sono ancora chiamati alla gestione della struttura. La cooperativa presenta 80 ettari adibiti per il comparto seminativo, 10 riservati ad uliveti ed ulteriori 10 per varie attività. Novità rispetto ai prodotti dello scorso anno, la coltivazione del peperoncino piccante.

“Terre Joniche”, ha spiegato Zizza, ha altresì aderito ad un consorzio che unisce più cooperative delle regioni del Sud Italia, con l’obiettivo di dare la possibilità di circolazione alle materie prime che in queste vengono coltivate e procedere, successivamente, alla loro trasformazione, così da ottenere un certo potere contrattuale sul mercato ed un maggiore profitto.

I terreni sono limitrofi al centro aziendale. Nelle strutture vengono mostrate le macchine volte alla trasformazione dei prodotti, passando per le diverse fasi che portano fino al confezionamento ed alla distribuzione in mense e supermercati.

Zizza porta quindi le telecamere fino al “Parco della Cepa”, anche questa un'area gestita dalla cooperativa, che si presta ad attività di tipo didattico-formativo con l’intento di dare la possibilità a tutta la popolazione di riappropriarsi dei beni della collettività. Suggestivo, inoltre, il “Frutteto della memoria” dove ogni albero rappresenta una vittima della mafia, «un veicolo importante per far conoscere ai ragazzi questa piaga della nostra terra».

Affiancato da un esperto, Umberto, il titolare ha quindi anticipato le fondamenta di un progetto volto a coniugare il rispetto della aree naturali in un contesto agricolo, con l’obiettivo di far comprendere come sia possibile fare agricoltura estensiva tutelando gli aspetti naturali.

In ultimo, uno sguardo al futuro, con una grande struttura che potrebbe presto diventare una cucina in cui presterebbero servizio gli studenti di un vicino Istituto Alberghiero, con la volontà di trasformare, direttamente sul posto, in modo genuino, i prodotti coltivati nella cooperativa: dal produttore al consumatore.

La seconda clip ha portato, invece, i convenuti, presso l’Azienda “Sextum”, nel cuore del Parco Nazionale del Pollino. Ad accompagnare nel viaggio è il titolare Rocco Arcaro, che nella sua narrazione, non esclude, anzi evidenzia, ogni aspetto sociale, storico ed intrinseco che caratterizza questa realtà del cosentino.ARCARO

L’obiettivo, spiega Arcaro, era indirizzato al recupero paesaggistico che si era perso nel tempo. Partendo, dunque, da piante spontanee è stata affinata una coltivazione vera e propria. «A questo, abbiamo aggiunto l’aspetto terapeutico, aprendoci così all’agricoltura sociale» ha ravvisato il titolare dell’azienda, evidenziando la valenza delle piante officinali.

I preparati, in questo luogo, rispettano ancora le antiche tradizioni attraverso strumenti che potenziano le forze cosmiche concentrate sui prodotti. «Non è fantascienza» ci tiene ad evidenziare Arcaro che più volte sottolinea l’importanza del rapporto tra terra e cielo nei prodotti ottenuti in quest’area. In particolare ne discute in merito ad una coltivazione di lavanda e ad un olio essenziale che da questa è possibile ricavare. «La pianta deve essere utile all’evoluzione dell’intero universo, non può durare oggi e domani, altrimenti non è una pianta».

Particolare il sistema di irrigazione mostrato dal titolare dell’azienda, in cui è possibile scorgere come lo stesso sfrutti l’acqua sorgiva e la pressione che si accumula sui diversi dislivelli dell’azienda. Le piantagioni, difatti, non hanno bisogno di particolari e costanti irrigazioni e, in alcuni mesi, questa viene addirittura omessa.

L’obiettivo dell’azienda, sia per quanto è stato fatto, sia per gli interventi in programma, è dunque rivolto al solo ripristino conservativo, senza alterare alcuna forma del territorio ma conservandone le sue magnifiche fattispecie.

In chiusura, Arcaro ha mostrato un’area in cui si procederà in futuro alla creazione di un giardino terapeutico, dove saranno compresi un orto-terapia, un giardino sensoriale, un punto dedicato all’acqua e diversi piccoli giardini che richiamino le antiche terapie di meditazione.

Soddisfazione ed apprezzamento sono state espresse dai presidenti delle associazioni coinvolte. Giuseppe Mangone, congiuntamente a Rosa Critelli, hanno esaltato il coraggio e la determinazione dei due titolari, valutandoli come un vero e proprio esempio per le future generazioni. «Due realtà straordinarie - ha detto il presidente dell’Anpa LiberiAgricoltori Calabria - che evidenziano, ancora una volta, le grandi potenzialità della nostra Calabria».

 

21 Giugno 2021

Esperienze a confronto

La Fattoria Sociale

Terre Joniche di Isola Capo Rizzuto in provincia di Crotone  e Azienda Sextum di Saracena in provincia di Cosenza saranno le Fattorie Sociali protagoniste dell'incontro "Esperienze a confronto" nell'ambito delle attività del progetto "Agricoltura: Laboratorio di Arte, Cultura, Ambiente e Benessere", cofinanziato dal FEARS - PSR Calabria - Misura 01.02.01.

L'intento è quello di far conoscere le Fattorie Sociali e l'Agricoltura Sociale della nostra regione attraverso significative realtà imprenditoriali, esperienze, progetti e programmi.

ESPERIENZE A CONFRONTO AGRICOLTURA SOCIALE

 

17 Giugno 2021

Viaggio nelle fattorie didattiche

per risvegliare l’amore per la natura di grandi e piccoli

“Esperienze a confronto”

Protagoniste le aziende Masseria Capoliscio e Borgo Piazza

         

Prosegue il viaggio tra le aziende agrituristiche della Calabria, grazie agli incontri “Esperienze a confronto” che portano in dirittura d’arrivo il progetto Agricoltura: Laboratorio di Arte, Cultura, Ambiente e Benessere” promosso da Agricoltura è”, associazione dell’ANPA - LiberiAgricoltori Calabria, cofinanziato del FEARS - PSR Calabria Mis. 1.2- Sostegno per progetti dimostrativi e azioni di informazione.

Dopo gli interessanti incontri della scorsa settimana con due realtà prettamente agrituristiche, questa volta, l’attenzione degli organizzatori del progetto, si sposta su due fattorie didattiche. Sono la Masseria Capoliscio di Roseto Capo Spulico in provincia di Cosenza e l’Azienda Borgo Piazza di Borgia in provincia di Catanzaro.

Causa norme covid, i partecipanti non hanno potuto raggiungere fisicamente le aziende - con la promessa che lo faranno il prima possibile - ma hanno potuto comunque visitarle virtualmente grazie agli appositi servizi preparati per l’occasione.

La prima clip lanciata sulla piattaforma di streaming è quella che vede protagonista la Masseria CapoliCAPOLISCIOscio, realtà di grande notorietà nel cosentino. Ad accompagnare nel lungo percorso sono Nicola e Maria Teresa, partendo da una coltivazione di veccia e avena, fino ad arrivare ad un vasto ciliegeto che annovera, tra le altre, una particolare varietà di ciliegie bigarreau definita “rosetano”, dal quale, gli agricoltori dell’azienda, ricavano marmellate prelibate, impegnando altresì gli stessi frutti in numerose pietanze.

Proseguendo il cammino, ad avvalorare ancor di più il sistema biologico dell’azienda, la presenza di dieci arnie, le cui api che in esse si annidano, garantiscono un’impollinazione naturale che permette agli agricoltori di escludere qualunque altro prodotto chimico sulle piante. Ma l’impollinazione, spiega Nicola, non è il solo vantaggio che ricava l’azienda. Dalle arnie è difatti possibile estrarre un ottimo e saporito miele di ciliegio.

Le api sono altresì importanti per l’esperienza con i bambini. I piccoli visitatori si dimostrano, difatti, sempre attenti e curiosi verso lo straordinario mondo che si cela nelle arnie. Alle scolaresche viene concesso di ascoltare i rumori del ronzio, sentire i profumi, gustare il sapore del nettare, scoprire la genialità di come questi piccoli insetti si organizzino in modo armonioso e perfetto.

Il percorso nell’azienda prosegue all’interno di un albicoccheto, dove il sole battente e la vicina presenza del mare, conferiscono ai frutti un gusto particolare ed un profumo così intenso da rendere le albicocche straordinarie.

Ben 96 tipologie diverse di frutti vengono curate e coltivate nella Masseria Capoliscio. «Cerchiamo di far riscoprire ai bambini quelle tradizioni oramai andate perdute» spiega Nicola, mostrando quali siano i percorsi distinti che seguono grandi e piccoli in visita all’azienda, un percorso che si alterna tra animali e coltivazioni, con originali segnaletiche volte ad indicare le caratteristiche di ogni cosa.

Dall’aula didattiche esterna si passa a quella interna. «Quando i bambini vengono in questo luogo non guardano soltanto, ma apprendono mettendo le mani in pasta. Sono loro a creare i nostri prodotti, partecipano in prima persona». Viene quindi mostrata la creazione di una tradizionale pasta fatta in casa ed i benefici che a questa dona l’uovo di faraona.

In chiusura si giunge al prodotto finale: il sott’olio, le marmellate, gli insaccati e tutti quei prodotti venduti con il marchio dell’azienda.

Da una fattoria all’altra, si arriva alla seconda clip, quella che porta i partecipanti direttamente nell’Azienda Borgo Piazza di Borgia (CZ).

borgo piazzaAd accompagnare nel viaggio c’è Elvira, che inizia il percorso mostrando ed illustrando un vasto orto che gode di una meticolosa cura ed attenzione non solo dai titolari dell’azienda, ma anche e soprattutto grazie al prezioso servizio di quelle famiglie e di quei ragazzi che, aderendo alle iniziative di workaway, soggiornano nella struttura e offrono il loro contributo nei molteplici settori.

L’esperienza nell’azienda catanzarese è davvero particolare. I visitatori hanno l’opportunità di immergersi nella natura e lasciarsi trasportare dai suoni e dalla pace dell’ambiente circostante. In questa linea di relax è centrale la presenza di una maestosa quercia, l’albero madre della tenuta, sotto il quale, spiega Elvira, con le scolaresche ci si siede in cerchio e si tiene la solenne promessa di rispetto alla natura.

Se gli animali rappresentano probabilmente l’attrazione principale per i bambini, per Enrica è comunque sbagliato pensare ad una fattoria didattica che curi solo questo aspetto. «La nostra è una fattoria che punta prevalentemente sull’aspetto delle coltivazioni» spiega Elvira delineando le potenzialità che è capace di fornire l’agricoltura e aggiungendo, con grande genuinità, come rappresenti per lei un messaggio errato rinchiudere gli animali in pochi metri quadri con il solo scopo di mostrarli ai visitatori. «Se riusciremo a garantire ampi spazi per ogni specie, allora con grande piacere li ospiteremo nella nostra tenuta» afferma, anticipando l’idea di voler creare un villaggio per gatti e magari riportare le pecore, un tempo presenti.

La visita si sposta presso un vigneto in cui si coltiva sia uva bianca che nera. Da quest’ultima, in particolare è stato da poco ricavato un ottimo vino. Elvira ha voluto altresì evidenziare come, quest’anno in particolare, ogni albero abbia proliferato, dalle nespole alle arance fino alle mandorle. «Tutto è biologico, l’unica cosa che aggiungiamo è il letame».

Sicuramente inusuale ma fortemente apprezzato, uno spazio dell’azienda in cui sono state montate delle tende tipicamente indiane, in cui svolgere attività legate a questa antica tradizione.

Elvira ha quindi mostrato l’area gioco dedicata ai bambini. Non casette sugli alberi ma alberi nelle casette. Alberi di fichi da cui è possibile fare direttamente merenda nel periodo estivo. Tutto costruito in legno dalle casette fino ad un vascello attraverso cui far viaggiare la fantasia dei piccoli ospiti.

In ultimo, la titolare, illustra le numerose iniziative che hanno luogo nella tenuta, rimarcando la grande collaborazione con la parrocchia locale con cui l’azienda coordina numerosi incontri ed appuntamenti per giovani ed adulti.

Ad entrambe le realtà va riconosciuta la grande passione che traspare dalla narrazione degli stessi proprietari delle aziende protagoniste di questo incontro. Un pensiero condiviso a più riprese dai convenuti nel dibattito successivo alla visione dei filmati.

Le conclusioni sono state dunque dei presidenti Mangone e Critelli che, nell’ambito dell’istruzione e della didattica, hanno voluto evidenziare gli importanti frutti che è stato possibile raccogliere negli anni passati con i progetti promossi all’interno degli istituti scolastici con appositi corsi, visite guidate, incontri e lezioni che hanno suscitato grande interesse e partecipazione dagli studenti e dalle loro famiglie.

Chi è Online

Abbiamo 127 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Visite agli articoli
272102

Condividi

Facebook